Il processo di acquisto

Acquistare immobili in Italia non è così complicato e laborioso come potrebbe sembrare a prima vista, e sicuramente non c’è nulla di cui spaventarsi!

Segue una descrizione del procedimento di base e delle responsabilità di ciascun agente. Qualora fosse interessato ad uno qualsiasi dei nostri immobili e desiderasse ulteriore assistenza in merito al processo di acquisto, non esiti a contattarci.

Fase 1 – L’offerta

Una volta trovato l’immobile giusto, la prima fase riguarda la presentazione di un’offerta verbale per l’immobile tramite l’agente immobiliare. Prima di fare l’offerta è consigliabile verificare ogni aspetto, dal prezzo, ai confini, alle precedenze, ecc. Un agente immobiliare qualificato la assisterà in questo processo.

Fase 2 – Contratto preliminare

Se la sua offerta viene accettata, dovrà avvalersi di un notaio. Alcuni compratori si avvalgono di un legale, ma questa scelta è assolutamente facoltativa.

L’agente immobiliare stipula un contratto preliminare che evidenzia il bene in vendita e il prezzo da versare. Esistono due tipi di contratto preliminare: il compromesso e la proposta di acquisto. Nel compromesso ambo le parti sono presenti contemporaneamente all’atto della firma, mentre la proposta d’acquisto può essere presentata al venditore e al compratore e firmata in un secondo momento in successione. Il compratore appone la propria firma e presenta un assegno per l’acconto, pari solitamente a circa il 10% del prezzo dell’immobile. L’assegno verrà consegnato al venditore all’atto della firma del contratto da parte di questi.

In caso di determinate condizioni o clausole contrattuali, l’agente consegnerà l’assegno solo una volta che queste sono state rispettate.

Una volta che il venditore firma il contratto e prende in consegna l’assegno per l’acconto, il contratto diviene vincolante per ambo le parti. Se il venditore si dovesse ritirare, questi sarà tenuto a versare al compratore un importo pari a due volte il valore dell’acconto. In caso di disdetta del compratore, questi perderà l’acconto versato.

Il venditore è tenuto a registrare ufficialmente il contratto preliminare per legge entro un mese dalla firma. Le spese di registrazione sono a carico del compratore (il costo si basa sulle righe di testo e non è alto, considerando anche che una parte dello stesso viene decurtata dalle imposte finali al momento della firma dell’atto di acquisto).

Anche all’agenzia immobiliare spetta un compenso. In Italia tutte le visure e i contratti vengono divisi tra l’agenzia immobiliare e il notaio. E’ possibile effettuare le ricerche da soli e ottenere le relative visure da un notaio, pur essendo questa soluzione non consigliabile a meno che non si abbia dimestichezza con tali pratiche e si conosca bene la lingua italiana.

Fase 3 – Conclusione

Si tratta della fase finale del processo di acquisto: il cosiddetto Rogito. Il notaio italiano stipulerà l’atto finale e al compratore verrà trasferito il diritto di proprietà sull’immobile.

Gli atti di acquisto italiani prevedono la presenza fisica del compratore e del venditore nel giorno di effettuazione della vendita dell’immobile. Il compratore può comunque delegare la firma ad una persona del luogo.

Costi

I prezzi degli immobili indicati sul sito sono quelli richiesti per l’immobile e le spese medie di acquisto di un immobile in Italia sono pari a circa il 15% del valore dell’immobile,
suddiviso come segue:

Compenso dell’agente immobiliare

pari al 3-4% del prezzo di acquisto più IVA al 20%
pari al 3% del prezzo di acquisto più IVA al 20% applicato dalla Mignon Potenza.

Compenso per il notaio

pari al 2.5% del prezzo dell’immobile dichiarato

Imposta di bollo e imposta catastale

pari al 10% del prezzo di acquisto per non residenti e al 4% per i residenti. In caso di registrazione da parte del compratore come residente entro 18 mesi dall’acquisto, è possibile versare solo il 4%. Si fa presente che qualora non si diventi residenti entro tale lasso di tempo, l’intero 15% sarà dovuto. La percentuale di imposta al 18% nel caso di acquisto di terreni.

Le parti coinvolte

Agenti immobiliari

Così come avviene nella maggior parte dei paesi, gli agenti immobiliari agiscono da intermediari nelle trattative tra compratore e venditore. Si occupano inoltre di predisporre conto correnti, forniture elettriche e idriche e persino codici fiscali. Vi renderete conto che il loro compenso copre dei servizi molto utili. Un agente immobiliare professionale potrebbe anche organizzare il pagamento delle prime rate dell’ICI, i certificati, nonché fornire consulenza sulla manodopera e suoi costruttori locali che potrebbero rivelarsi insostituibili per le loro conoscenze sul posto per quanto concerne infrastrutture, progetti futuri, tradizioni e usi locali e molto altro ancora.

Il notaio

Il compratore è responsabile della nomina del notaio, del trasferimento della proprietà e della riscossione delle imposte. E’ consigliabile scegliere un notaio con studio nei pressi dell’immobile poiché l’agente immobiliare, il notaio e il compratore (o un rappresentante scelto da questi) dovranno incontrarsi tra loro il giorno dell’acquisto.

Il notaio verificherà l’identità delle persone coinvolte nell’acquisto, controllerà e supervisionerà le loro transazioni, calcolerà e riscuoterà le imposte sulla vendita e si occuperà di aggiornare il registro catastale.

Global, Local, Personal

I tuoi immobili preferiti

Accedi o registrati per creare la tua lista di immobili

Hai perso la password?